Nasce la targa automobilistica lunedì 14 agosto 1893 (121 anni fa)

Nasce la targa automobilistica: Nel pieno della Seconda rivoluzione industriale (1870-1920) e a sette anni dalla presentazione della prima automobile con motore a scoppio (la storica Patent Motorwagen di Karl Benz), a Parigi si avvertì la necessità di regolare la crescente circolazione di veicoli a motore.

Fu così che, il 14 agosto del 1893, l’amministrazione comunale emanò un’ordinanza di polizia, con cui si rendeva obbligatorio, per tutte le vetture pubbliche, l’utilizzo di una targa di riconoscimento. Si trattava di una placca in metallo, con numeri bianchi su sfondo nero. Tre anni dopo vennero adottate anche in Germania, mentre nel 1898 l’Olanda fu il primo paese ad introdurre una targa nazionale.

Provvedimenti simili si erano registrati prima del 1893 nella stessa Francia e nei domini dello Stato Pontificio, ma avevano riguardato mezzi trainati da cavalli, come calessi e carri. In Italia un primo sistema di immatricolazione si ebbe con il Regio Decreto 416 del 28 luglio 1901, che limitava l’obbligo delle targhe alle automobili in servizio pubblico.

Tuttavia forma, contenuto numerico e dimensioni erano a discrezione dei proprietari. Nel 1905 si provò a fare ordine citando nella targa la provenienza geografica: in pratica ogni serie era aperta da un numero di colore rosso (distinto dagli altri bianchi) che identificava la provincia di appartenenza. Quest’ultima, dal 1927, venne indicata con una sigla, eliminata nel 1994 e riammessa (in dimensioni più piccole) dal 1999.

La personalizzazione della targa è ammessa in alcuni paesi, in particolare negli Stati Uniti d’America, a condizione che non contenga messaggi blasfemi e osceni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.